Turismo, relax, sport e natura: l’agriturismo in Umbria

La regione Umbria è caratterizzata da un paesaggio verde, la Valle Umbra, che rende il territorio il più rilassante del nostro paese italiano. L’aria fresca di questa regione sta attirando sempre più persone provenienti dalle principali città del centro Italia e la costa, desiderose di trascorrere del tempo per rilassarsi completamente evitando lo stress metropolitano o della spiaggia.

Per questo motivo, il fenomeno del turismo nelle zone rurali in Umbria è ormai una realtà consolidata che attira in questa regione migliaia di turisti, perlopiù famiglie con bambini piccoli con la prospettiva di rilassarsi nella valle tra Assisi e Perugia, magari trascorrendo questo tempo in uno degli agriturismi sul Lago Trasimeno oppure a Foligno, Gubbio o Spoleto per recuperare il tempo perso durante l’anno con la propria famiglia. Questa zona dell’Umbria è stata riportata produttiva grazie a un’obera di bonifica delle paludi che anticamente stagnavano in tutta la valle.

La ricchezza del paesaggio e l’orgoglio del buon olio extravergine e dei vini doc riconosciuti a livello mondiale si può apprezzare in ogni singolo agriturismo in Umbria che presenta sulla propria carta prodotti tipici unici per gustare al meglio la gastronomia e l’enogastronomia di questa regione. Inoltre è possibile combinare il buon cibo e il panorama verde con attività sportive e divertenti come escursioni a piedi, in bicicletta o a cavallo grazie alle numerose tenute della zona che garantiscono la soddisfazione delle aspettative di ogni cliente.Nel corso delle gite ed escursioni si possono scoprire numerosi siti archeologici percorrendo l’Alta Valle del Tevere come la Via Flaminia e numerosi resti etruschi e romani che hanno lasciato importanti infrastrutture logistiche e ambientali in tutta l’Umbria, le Marche e il Lazio.

La tradizione degli agriturismi in Umbria e la fiorente crescita che stanno subendo in questi ultimi anni tutti i country house dislocati sul territorio uniformemente sono la risposta ai gusti e alle scelte del turismo del futuro, con la ricerca più semplice della tranquillità e del relax all’aria aperta.

Un viaggio alla scoperta di Perugia

Nel viaggio virtuale alla scoperta di Perugia e delle meravigliose zone vicine al capoluogo dell’Umbria vi aiuterà a pianificare una vacanza nella regione verde del centro Italia e scoprire tanti itinerari gastronomici, enogastronomici, artistici, culturali e spirituali. Inoltre vi aiuterà a scoprire il modo più facile, veloce ed economico per prenotare un agriturismo o un hotel in Umbria che soddisfi tue esigenze.

L’Umbria, tra le più piccole regioni italiane, è situata nell’Italia Centrale ed è anche l’unica regione dell’Italia Peninsulare non bagnata dal mare. Oltre a queste caratteristiche si distingue dalle altre regioni italiane per i numerosi piccoli borghi medievali, piazze, monumenti e castelli. La particolarità dell’Umbria è lo scenario che regalano le città situate sulle cime delle dolci colline verdi umbre e nelle vallate, bagnate dallo specchio d’acqua del Tevere o dai laghi Piediluco e Trasimeno.

Perugia è una delle città che vi consigliamo di inserire nel vostro itinerario in Umbria. Famosa soprattutto per l’Umbria Jazz, l’Eurochocolate e i quadri del Perugino, Perugia, è meta ogni anno di moltissimi turisti proveniente da tutto il mondo in cerca della tranquillità e del relax tipico di un soggiorno in hotel a Perugia.

Le strutture ricettive presenti nella zona sono di vario genere per soddisfare le esigenze di qualsiasi turista: una coppia di fidanzati in cerca di una suite romantico dove rilassarsi insieme, magari con dei trattamenti benessere, in percorsi rigeneranti in spa o magari in un agriturismo con piscina. Oppure una camera d’hotel dotata di ogni mezzo tecnologico e connessione wifi gratuita potrebbe essere l’esigenza di un uomo d’affari che si trova in Umbria per lavoro. Non mancano gli agriturismi o gli hotel nel centro di Perugia che soddisfano le esigenze di una famiglia con bambini piccoli, svaghi e luoghi ricreativi per la felicità anche dei più piccoli. Per gli amanti dell’avventura la soluzione ideale potrebbe essere un agriturismo con maneggio o con noleggio di bici o attrezzatura da trekking.

Una volta scelta la struttura turistica ideale non resta che andare alla scoperta di questa fantastica regione e le sue città di maggior rilievo. Tra le architetture religiose di maggior interesse a Perugia non si può non citare la cattedrale di San Lorenzo, la basilica di San Domenico, la Basilica di San Pietro, la Cappella di San Severo, il Palazzo dei Priori, il Palazzo del Capitano del Popolo, il Palazzo della Penna, il Palazzo della Provincia, il Palazzo Donini, la Torre degli Sciri.

Perugia è ricca anche di teatri, per nominare solo i più conosciuti: il Teatro di Morlacchi, del Pavone, Turreno, della Sapienza, Cucinelli, di Porta S. Angelo e molti altri.

Perugia è senza dubbio la città più importante dell’Umbria dal punto di vista artistico e culturale ed ospita le principali università e scuole della regione. Ma il nostro viaggio virtuale a non può terminare prima di aver preso in considerazione alcuni degli eventi ai quali è possibile assistere in qualsiasi stagione dell’anno in Umbria: sagre, concerti, manifestazioni, spettacoli, fiere, mercatini e rievocazioni storiche. Artisti di grande fama o esordienti si susseguono sui palchi di Perugia, Spoleto, Foligno, Terni e altre zone della regione umbra in occasione dei festival jazz e rock che tutti gli anni si svolgono con la grande partecipazione della gente proveniente da vicino e lontano.

La tela umbra

Orvieto, Panicale, Assisi, Perugia, Passignano sul Trasimeno, Tuoro sul Trasimeno, Città di Castello.
Possono essere le tappe di un suggestivo viaggio alla scoperta dei più antichi esemplari della tessitura a mano, attività che ebbe inizio tra l’XI e il XII secolo con grande rinomanza e diffusione, non solo in Italia, tra XIV e XV secolo.

Le tovaglie perugine, caratterizzate da decorazioni geometriche e figure di animali come grifi e aquile, e dal tipico colore turchino, marrone o rosso, venivano utilizzate nelle chiese come tovaglie da altare.
Si trovano riprodotte con notevole fedeltà in molte opere pittoriche, da Pietro Lorenzetti al Ghirlandaio. L’attività decadde alla fine del XVI secolo, fatta eccezione per alcuni conventi che la destinarono prevalentemente a usi liturgici.
La rinascita ha una data precisa: il 1906, quando all’Esposizione nazionale delle “Industrie femminili italiane”” di Roma, il padiglione dell’Umbria presentò con grande successo riproduzioni fedeli delle antiche tele umbre.

A Città di Castello l’opificio “Laboratorio tela umbra a mano”, attivato dalla baronessa Alice Franchetti Hallgarten, diede vita a produzioni di grande pregio e, ancora oggi, secondo una formula moderna, produce tessuti a mano finemente lavorati nei classici decori umbri. Nel palazzo Tommasini, sede storica del Laboratorio, è stata allestita la Collezione tessile di Tela Umbra.

Bella stagione, al via l’agriturismo

Arriva la bella stagione, arriva il momento di Agriturismo. Proprio in questo periodo infatti, gli italiani si riscoprono amanti della natura e si buttano alla ricerca agriturismi. Ma quale scegliere? Quale regione si mostra la migliore per prenotare un soggiorno in campagna o un bel pranzo a base di cucina tipica regionale?

Tra le migliori soluzioni troviamo sicuramente l’agriturismo in zona Umbria, una delle migliori regioni per quel che riguarda natura e cucina tipica. Prenotare un agriturismo e soggiornare in Umbria infatti può essere una esperienza indimenticabile per molti, un’esperienza che gli amanti del verde e della natura apprezzeranno sicuramente.
(more…)

Trevi: la capitale dell’oro verde

Trevi è Città dell’Olio, Città Slow, Città Bio, Bandiera Arancione (un marchio turistico ambientale del Touring Club Italiano), aderisce all’associazione dei Borghi più Belli d’Italia ed ha ottenuto la certificazione Emas per la sue pratiche ecologiche.
Una cittadina accogliente e attenta ad un turismo sostenibile, dal suggestivo centro storico circondato da un mare di 200 mila piante di ulivo dal quale emergono, come isole, affascinanti chiesette rurali e le case sparse olivate, insediamenti rurali risalenti al 1400-1500.
E all’olio extravergine di oliva – apprezzato per il suo aroma intenso, il sapore amaro e piccante e il colore particolare tra il verde e il giallo – Trevi dedica il Museo della Civiltà dell’Ulivo, che ha la sua sede nell’ex convento di San Francesco, oltre a ben due appuntamenti annuali.
Ai primi di novembre si celebra l’olio nuovo con Festivol: due giorni di festa con degustazioni, visite guidate, concerti musicali per le strade e nelle dimore storiche, trekking naturalistici. Nei palazzi nobiliari i ristoratori di Trevi servono piatti a base di sedano nero e di altri presidi Slow Food umbri e propongono assaggi di oilo extravergine di oliva di Trevi appena franto e dei pregiati vini Doc e Docg dell’Umbria.
La fioritura primaverile degli olivi si festeggia invece con “Pic & Nic a Trevi”: due giorni di arte, musica e merende tra gli olivi.
Durante tutto l’anno, ogni quarta domenica del mese, il centro storico della cittadina umbra ospita il Mercatino del Contadino, ideato per promuovere la cosiddetta “filiera corta” (rapporto diretto produttore-consumatore) e, in alcuni periodi, i ristoratori locali propongono originali menu realizzati con i soli prodotti del territorio.
Per maggiori informazioni contattare l’Ufficio del Turismo del Comune di Trevi, tel. 0742-332269, www.treviturismo.it.

Il teatro più piccolo del mondo

Tra i tanti gioielli artistici che l’Umbria offre al visitatore c’è anche uno dei teatri più piccoli del mondo. Lo troviamo a Monte Castello Vibio, in provincia di Perugia: un piacevole borgo a forma di cuore situato sulla sommità di un colle a 422 metri di altitudine, con un bel panorama sulle verdi colline umbre.
Qui si trova il minuscolo Teatro della Concordia, con soli 99 posti tra platea e palchetti e un mini palcoscenico di soli 50 mq. Il teatro, progettato “a misura del suo paese” in pieno clima post rivoluzione francese del 1789 e poi intitolato alla “concordia tra i popoli” fu inaugurato nel 1808. Restaurato dal comune dopo quarant’anni di chiusura, è stato riaperto al pubblico nel 1993 per ospitare concerti, spettacoli teatrali, convegni e matrimoni civili. È visitabile il sabato, la domenica e nei giorni festivi.
Informazioni sul teatro e sull’offerta turistica di Monte Castello Vibio possono essere richieste al tel. 075-8780217.

Umbria: informazioni utili

Informazioni turistiche sull’Umbria sono reperibili sul sito dell’Agenzia Regionale di Promozione Turistica (www.umbria-turismo.it), che mette a disposizione dei visitatori alcune utili guide turistiche da consultare e scaricare.
Altre richieste possono essere fatte telefonicamente al te!. 075-575951.
Le strade del Vino e dell’Olio dell’Umbria sono on line su www.stradevinoeolio.umbria.it e rispondono al tel. 075-9886037.
Se pensate di alloggiare in un agriturismo potete trovare l’elenco dettagliato di numerose strutture sul sito www.agriturismiumbria. net. Chi è capace di rinunciare alle comodità di un albergo per trascorrere una vacanza in mezzo alla natura, tra originali proposte culturali e cibi biologici, può soggiornare nelle casette della Libera Università di Alcatraz (www. alcatraz.it, tel. 075-9229914) situata a metà strada tra Perugia e Gubbio.

Codici sconto

Seguici su Facebook